19/20 novembre 2016 – Edizione zero

Si è chiuso davvero con grande soddisfazione il tour-test di una ventina di atleti valdostani sul tracciato (170 km) del Tor des Châteaux, ultima gara ideata e varata da VdA Trailers e in calendario il 12, 13 e il 14 maggio 2017.

I forti runner di casa si sono divisi in staffette (anche se molti hanno corso ben oltre la loro parte) e nelle giornate di sabato e domenica scorsi e hanno affrontato strade asfaltate, sterrate, sentieri. Calcando vie romane, vie medioevali, la Francigena, la strada del vino e attraversando i borghi di fondovalle, le corti di castelli, di caseforti, di dimore fortificate.

Con grande supporto proprio dei sindaci dei comuni attraversati, alcuni dei quali sono scesi lungo proprio per incontrare concorrenti e organizzatori.

La prova test, o numero zero, di questo Mix Runnig Experience – una gara unica nel suo genere proprio per la varietà dei terreni da affrontare – è nata con l’intento di offrire agli atleti di ogni specialità della corsa uno scenario sportivo del tutto nuovo e, al tempo stesso, di valorizzare quegli angoli della regione impregnati di intima bellezza e preziosa storia ma spesso “saltati” da chi frequenta la Vallée  per andare a sciare o ad affrontare i sentieri d’alta quota. Gli stessi artefici del test hanno ammesso di aver attraversato zone e visto scorci fino a ieri a loro sconosciuti.

Un intento, quello di VDA Trailers, che è stato decisamente sposato da tutti gli amministratori dei 34 paesi attraversati, che hanno dispensato concreta ed ampia, se non addirittura entusiastica, collaborazione.

Gli atleti, partiti da piazza Chanoux, nel cuore di Aosta hanno seguito il tracciato preparato nei mesi scorsi dai tecnici di VDA Trailers in stretta collaborazione con Daniele Mombelli, guida escursionistica ed esperto di storia regionale, e con gli amministratori delle diverse comunità. In modo da regalare ai futuri concorrenti panorami, luoghi, bellezze artistiche, strade del tutto nuove sotto molti aspetti.

Dopo una puntata ad ovest fino ad Avise, i corridori, seguiti passo passo lungo il tracciato grazie ai GPS di Eolo – main sponsor della gara del maggio prossimo, oltre che del Tor des Géants® di settembre – hanno eseguito un dietrofront e sono scesi ad est, sul versante opposto della Valle, fino a Pont Saint Martin, dove hanno fatto il secondo giro di boa per tornare al traguardo di Aosta, coincidente con il punto di partenza. Supportati da accompagnatori in sella a bici elettriche e alla guida del camper che ha fornito lungo il percorso supporto logistico e ristoro. Quest’ultimo è stato offerto anche da qualche sindaco entusiasta.

La partecipazione della gente (molte persone erano al corrente del passaggio dei runner grazie al sostegno della stampa e alle tv della Valle) è stata davvero sorprendente e l’ampio coinvolgimento anche dei non addetti ai lavori la chiave che VDA Trailers ha dimostrato di saper usare per aprire nuovi scenari sportivi e turistici; senza, volersi sostituire, sotto quest’ultimo aspetto, agli enti preposti.

Da un punto di vista sportivo il tracciato, di cui è stata fatta la traccia definitiva GPS, non ha fatto registrare criticità e si è dimostrato interamente corribile, (tranne qualche strappo da trailers che verrà in parte limato), da affrontare e ritmo sostenuto. Giuliano Cavallo, uno dei partecipanti al test, ha valutato, dopo aver registrato le sue velocità,  che i primi potrebbero impiegare a raggiungere il traguardo circa 16 ore, mentre gli ultimi, quelli dal ritmo più turistico e più attenti alle bellezze architettoniche e paesaggistiche piuttosto che alle difficoltà agonistiche, potrebbero stare in gioco fino alle 33 ore.

VDA Trailers sta comunque valutando la possibilità di posizionare un traguardo intorno al centesimo chilometro per chi volesse cimentarsi in una gara più “corta”.

Comunque sapremo tutto per certo fra pochi giorni, visto che entro il 10 dicembre, preso atto delle valutazioni degli atleti del “numero zero” e decisa la dislocazione dei punti di ristoro, verranno aperte ufficialmente le iscrizioni per questa competizione che garantisce un eccellente mix di strade da percorrere ma soprattutto di nuove emozioni da provare.

Questo comunicato serve anche come ringraziamento a tutti:

 

e infine: Mimmo, Giuliano, Betta, Alì, Marco, Claudio, Yannick, Fabrizio, Edmondo, Pietro, Enzo, Enrico, Cesare, Gianluca, Alessandro, Corrado, Guido, Marco e Fabrizio (tutti i frazionisti), Gianni e Bruna, Daniele, Stefano e Claudia.