Programma

Venerdì 12 maggio 2017

  • Sala Hôtel des États, Comune di Aosta, Piazza Chanoux: dalle 16:00 alle 19:30 distribuzione pettorali
  • Piazza Chanoux: dalle ore 15:00 apertura Village TDCh
  • Piazza Chanoux: ore 20:00 partenza 170km

Sabato 13 maggio

  • Sala Hôtel des États, Comune di Aosta, Piazza Chanoux: dalle 8:00 alle 9:30 distribuzione pettorali
  • Piazza Chanoux: ore 10:00 partenza 100km
  • Piazza Chanoux: dalle ore 13:00 circa primi arrivi 170km
  • Piazza Chanoux: dalle ore 20:00 circa primi arrivi 100km

“Waiting for… Tor des Châteaux” | Playlist

Manca meno di un mese alla prima edizione assoluta del Tor des Châteaux (12/14 maggio) gara di corsa del tutto innovativa (per la partecipazione dei Comuni della Valle d’Aosta e la varietà dei tracciati, dei paesaggi e dei luoghi attraversati) nel panorama agonistico italiano.

Gli atleti, infatti, percorreranno strade di campagna, sentieri, vie romane e francigene che attraversano borgate disseminate ai lati della Dora Baltea, in territori dove svettano castelli, torri e dimore storiche.

Pablo Criado al Tor des Châteaux

Pablo Criado, due volte sul terzo gradino del podio del Tor des Gèants®, non correrà quest’anno sui 330 chilometri delle Alte Vie, ma non lascia di certo le competizioni che VdA Trailers organizza in Valle d’Aosta. Anzi, raddoppia.

Il quarantunenne ultrarunner spagnolo di Santander, infatti, prenderà il via nella prova di 170 chilometri previsti nella prima edizione del Tor des Châteaux (partenza il 12 maggio dal cuore di Aosta) e alla 130 chilometri del Tot Dret, altra prova nuova inserita nella settimana del Tor des Géants®, con partenza il 13 settembre da Gressoney e arrivo a Courmayeur.

Elisabetta Negra, da un Tor all’altro

Due volte finisher del Tor des Géants® (10° donna nel 2016), Elisabetta Negra quest’anno ha messo nel mirino la 100 km del Tor des Châteaux.

D. Qual è stata la prima impressione dopo il test del percorso?

C’è tantissimo da correre, ma non ci si annoia proprio mai. Il tracciato è molto mosso e gli scenari cambiano ogni chilometro, facendoti entrare ogni volta in una nuova cartolina. Spero davvero che il percorso venga segnato in permanenza per permettere a tutti di scoprirlo 12 mesi all’anno. Merita.

Iscrizioni aperte!

A partire da oggi, mercoledì 14 dicembre alle ore 12.00, atleti italiani e stranieri possono iscriversi ufficialmente alla prima edizione del Tor des Châteaux sul sito 100x100trail.com, in calendario dal 12 maggio 2017. Il TDC è una corsa a piedi sulle strade asfaltate e sterrate che, dalla splendida cornice della città di Aosta, si snoda attraverso 34 comuni passando per castelli, borghi, siti storici, strade romane ed infine lungo la via Francigena. Scegliendo tra le distanze di 170 km e 100 km, rispettivamente con 4000 e 3000 metri di dislivello si attraverserà tutta la Valle per conoscere la regione sotto un aspetto diverso.

19/20 novembre 2016 – Edizione zero

Si è chiuso davvero con grande soddisfazione il tour-test di una ventina di atleti valdostani sul tracciato (170 km) del Tor des Châteaux, ultima gara ideata e varata da VdA Trailers e in calendario il 12, 13 e il 14 maggio 2017.

I forti runner di casa si sono divisi in staffette (anche se molti hanno corso ben oltre la loro parte) e nelle giornate di sabato e domenica scorsi e hanno affrontato strade asfaltate, sterrate, sentieri. Calcando vie romane, vie medioevali, la Francigena, la strada del vino e attraversando i borghi di fondovalle, le corti di castelli, di caseforti, di dimore fortificate.

Regolamento

La Società Sportiva Dilettantistica Valle d’Aosta Trailers, organizza il Tor des Châteaux (in seguito per brevità TDC).

PROVA
TDC è una corsa a piedi sulle strade asfaltate e sterrate della Valle d’Aosta, attraverso 34 comuni. Partenza ed arrivo nel centro della città di Aosta, passando per castelli, borghi, siti storici, strade romane ed infine lungo la via Francigena, si attraverserà tutta la Valle per conoscere la regione sotto un aspetto diverso. Sono previste due percorsi:

Partenza da Augusta Praetoria (Aosta)

Dalla piazza centrale di Aosta l’itinerario si snoderà prima verso ovest per sfiorare i primi importanti edifici storici, poi ad Avise, borgo strategico già in epoca romana e arroccato all’imbocco della Valdigne, piegherà in direzione contraria fino a raggiungere il forte di Bard. Aggirato questo imponente e articolato complesso fortificato, il tracciato riporterà i concorrenti ad Aosta su strade e sentieri sul lato opposto della Dora Baltea. Il fiume, figlio dei ghiacciai del Monte Bianco, è il liquido filo conduttore di un’innovativa manifestazione che atleti, supporter e accompagnatori potranno decisamente gustare. In tutti i sensi.

Unica tappa di 170Km

Tor des Chateaux, una gara di 170 chilometri, in un’unica tappa, da percorrere nel tempo massimo di 35 ore, maggio 2017. Una gara che sarà un mix tra la corsa on the road, in trail e l’ultramaratona, in una cornice ambientale decisamente particolare e in una stagione primaverile in cui la natura propone il meglio di sé. Imponenti edifici testimoni della storia, della cultura e dell’arte locale. Da quello complesso ed elegante di Fénis, a quelli severi e panoramici di Cly e dell’Archet, che scrutano il territorio dall’alto, a quello massiccio e squadrato di Ussel, isolato su un promontorio roccioso.

Una competizione diversa

Pensata per corridori con maggior predisposizione alla “strada” e al dislivello contenuto, comunque ben condita di passaggi “fuori strada”, a tratti anche impegnativi. Un tracciato che attraversa luoghi poco noti ma di grande suggestione e svela paesaggi nuovi e sorprendenti anche a chi già da tempo frequenta le terre alte della Regione.

La via Romana e la via Francigena

Sentieri che portano ai castelli, l’antica via romana e quella francigena, le strade poderali che collegano le cittadine di bassa valle attraversando i boschi e i campi sono solo alcuni degli elementi caratterizzanti del lungo percorso ad anello. Che partirà e arriverà da Piazza Chanoux di Aosta, nel cuore della città “romana”, tra edifici e locali ottocenteschi

Una nuova gara, unica nel suo genere

Non solo alte cime e alte vie, da attraversare d’inverno con gli sci e in estate con le scarpe da trail running, ma strade solitarie, boschi e pascoli di fondovalle, suggestivi e defilati borghi, accoglienti e vivaci villaggi e un numero sorprendente di castelli, dimore fortificate, torri austere, alcune originarie del X secolo